SurfaPaint ThermoDry: risparmiare pitturando!

SurfaPaint ThermoDry è una pittura che crea un micro rivestimento termo-riflettente ad alta efficienza energetica che permette di risparmiare pitturando. Questa tecnologia è in grado di riflettere in grande quantità l’energia proveniente dalle fonti di calore, di conseguenza applicata ad un edificio consente che in estate questo si riscaldi di meno, diminuedo la domanda d’energia per rinfrescarlo, e d’inverno disperda meno il calore, diminuendo il consumo d’energia per riscaldarlo.

SurfaPaint ThermoDry è dotato di microsfere di vetro ceramizzato, di dimensioni tutte inferiori ai 5 micron, caratteristica fondamentale perchè abbassa di molto le probabilità di rottura delle microsfere durante la lavorazione e durante l’utilizzo del materiale. Tali microsfere, grazie alle proprietà della riflessesione date dalle superfici sferiche unite alle proprietà rilettive del materiale, donano allo strato di SurfaPaint ThermoDry una capacità di riflettere in maniera efficace il raggio incidente che colpisce la superficie.

SurfaPaint ThermoDryIl valore aggiunto che possiede SurfaPaint ThermoDry rispetto a tecnologie simili (pitture con microsfere di vetro o ceramica), è che le microsfere prodotte da NanoPhos, sono rivestite da nanoparticelle di biossido di titanio, biossido di silicio e biossido di zinco. Grazie a questa combinazione, si ottiene un prodotto unico, in grado di aumentare ancora di più le caratteristiche di riflessione. Grazie alle dimensioni delle microsfere SurfaPaint ThermoDry riesce in soli 300 micron di spessore, a creare un microrivestimento con almeno 5 volte la quantità di microsfere, rispetto a qualsiasi altro prodotto che permette di risparmiare pitturando. Tutto ciò rende la pittura facilmente applicabile, mantenendo un aspetto opaco e al tratto “setoso”.

Sono molto interessanti anche i dati che riguardano la radiazione, difatti i rivestimenti ThermoDry si comportano egreggiamente anche in termini di conduttività, quando sottoposti a radiazione di energia termica: la loro ridotta conduttività contribuisce alla capacità isolante del materiale stesso. Quando si esamina cosa succede alla radiazione incidente che raggiunge un rivestimento ThermoDry (ignorando l’ulteriore effetto di conduttività), è facile vedere come sia possibile risparmiare pitturando e ottenere l’efficienza energetica: il 90% della radiazione incidente che trasporta energia termica viene riflessa, mentre il 10% della radiazione incidente che non viene riflessa, viene assorbita. La grande maggioranza della radiazione del calore è riflessa e ritorna verso la stessa direzione di provenienza e solo una piccola percentuale viene emessa verso il lato isolato. Dato che il rivestimento assorbe una quantità molto piccola dell’energia incidente, la sua temperatura non aumenta e blocca il flusso di calore.

SurfaPaint ThermoDryPoi c’è la questione della conduttività:ThermoDry riduce la conduttività termica delle vernici di almeno 4 volte (dato certificato in base alla norma EN 12667). Anche se il film finale di vernice creato è relativamente sottile, esso è in grado di ridurre le variazioni di temperatura sulle superfici murali soprattutto perchè è altamente riflettente ed emissivo. Questo è un grande vantaggio, poichè l’umidità tende a condensarsi sulle parti del muro più fredde, queste aree sono spesso chiamate “ponti termici”. Una differenza di temperatura tra tali aree come 1-2° C è sufficiente per la formazione permanente di aree preferenziali per la condensa. Dato che la comune vernice può essere abbastanza assorbente a causa delle resine contenute, i batteri trovano l’ambiente ideale per la loro moltiplicazione trasformandosi in muffa.

La tecnologia ThermoDry riduce significativamente l’assorbimento di umidità della vernice ed efficacemente della parete stessa. Mantenendo la parete asciutta si rende l’intera struttura meno conduttiva e più efficiente ottenendo cosi la possibilità di risparmiare pitturando la propria struttura.

About the author

ristrutturazione casa a Roma

View all posts

Lascia un commento