Come proteggere lo strato d’intonaco degli edifici

Proteggere le facciate

Le facciate degli edifici hanno molti nemici che con il tempo portano al danneggiamento dello strato d’intonaco e perfino al suo distacco.
Soprattutto in città, elementi come sporco, polvere e depositi di ogni genere, provenienti essenzialmente dallo smog metropolitano, rovinano notevolmente l’aspetto estetico delle facciate.
Le intemperie contribuiscono alla formazione di alghe e funghi che possono danneggiare in maniera considerevole le facciate molto esposte, richiedendo spesso complessi e costosi interventi di risanamento.

Facciata di un edificio senza protettivo per intonaco danneggiato dagli agenti atmosferici  di Caparol
L’intonaco presente sulle pareti esterne degli edifici è perennemente sollecitato da agenti naturali come il sole, la pioggia, il gelo e il vento che lo sottopongono a dura prova.

Infatti, quando le pitture tendono ad ammorbidirsi e rigonfiarsi, offrono un fondo idoneo al deposito dello sporco, che a lungo andare porterà al distacco dello strato d’intonaco.
In genere, più la superficie di una facciata è dura, meno lo sporco rimane attaccato; per questo è fondamentale prevedere una trattamento protettivo degli intonaci che eviti il loro rigonfiamento e la loro esfoliazione.

Quando si eseguono dei lavori di ristrutturazione di una facciata sarebbe dunque opportuno prevedere, oltre al rifacimento dello strato d’intonaco di finitura, anche la realizzazione di uno strato protettivo di quest’ultimo, che riesca a tenere lontano dalle murature l’acqua piovana e l’umidità, assicurando allo stesso tempo un’elevata traspirabilità, cosi da evitare la formazione di muffe.

Prodotti protettivi per intonaci

I prodotti disponibili sul mercato che hanno proprio l’obiettivo di proteggere lo stato d’intonacodelle facciate degli edifici sono molteplici. Uno di questi è ALBARIA® SILIMAC TONACHINO, prodotto dalla BASF-CC Spa.

Si tratta di un rivestimento murale a spessore in pasta di origine minerale a base di silicato di potassio, altamente traspirante, idrorepellente e resistente all’inquinamento atmosferico.

Questo prodotto protettivo può essere a finiturasatinata oppure opaca; è molto semplice da utilizzare, indicato sia per ambienti interni che su superfici esterne.

In particolar modo, ALBARIA SILIMAC TONACHINO è applicabile su supporti asciutti anche di natura differente, quindi lo si può usare come protettivo di intonaci a base di calce aerea, di calce idraulica, di malta bastarda, o intonaci a base cementizia.

È adatto per proteggere superfici in calcestruzzo, pietre naturali carbonatiche purché siano ben pulite e prive di efflorescenze saline .

Protettivo per intonaci di BASF-CC SpaQuesta particolare composizione è resistente all’inquinamentoatmosferico e ai raggi U.V.
Inoltre, difficilmente si stacca dal supporto al quale si applica poiché forma con esso una struttura cristallina che lo rende perfettamente aderente e gli garantisce una notevole durata nel tempo.

Non è applicabile invece su intonaci a base di gesso e sui supporti che presentino tinteggiature preesistenti qualsiasi sia la loro natura.

Un’altra azienda specializzata in questi prodotti è la Caparol, che ha realizzato una sostanza protettiva a base di silossani oligomeri idrorepellente, nano tecnologica, diluita in soluzione acquosa, specifica per materiali lapidei di qualsiasi natura e di manufatti assorbenti, ivi compresi quelli di interesse storico-artistico e/o monumentale, come gli intonaci di facciata esterni degli edifici, in genere molto soggetti all’attacco degli agenti atmosferici come pioggia, vento e sole, perchè non protetti in modo adeguato.

Protettivi per intonaci esterni di CaparolQuesto prodotto altamente protettivo si chiama Nano-Siloxan e consente una riduzione dell’assorbimento d’acqua superiore al 72%, senza alterare l’aspetto cromatico del supporto trattato.

Esso, inoltre, garantisce la traspirabilità e la sua permeabilità al vapor d’acqua.
È caratterizzato da una bassa viscosità che consente al prodotto di penetrare nel materiale proteggendolo in profondità.

In questo modo la superficie più esterna diventa idrorepellente impedendo all’acqua e ai sali inquinanti disciolti al suo interno di penetrare nello strato d’intonaco superficiale .

Una caratteristica che rende questo prodotto così particolare è il diametro nanometrico delle sue particelle che gli permette di penetrare molto in profondità all’interno del supporto trattato, garantendogli quindi una maggiore protezione.

Protettivi per intonaci esterni con nano particelle di CaparolHa una grande resistenza contro qualsiasi tipo di sporco e una elevata resistenza ai raggi UV.

Queste caratteristiche gli consentono di avere una maggiore durabilità nel tempo, soprattutto se applicato in contesti all’aperto fortemente esposti agli eventi metereologici e all’irraggiamento solare, che sono le cause principali del rigonfiamento e dell’esfoliazione degli strati d’intonaco di rivestimento esterni.

La sua applicazione è molto semplice: basta adoperarlo come un qualsiasi altro tipo di pittura.
A seconda delle superfici e delle scelte personali, si può applicare tranquillamente a spruzzo o a pennello sulla superficie da proteggere e il risultato è garantito.

About the author

ristrutturazione casa a Roma

View all posts

Lascia un commento