Cassaforte in casa

All’interno di un alloggio può essere utile installare una cassaforte per conservare in sicurezza i propri averi: ci sono diverse tipologie e aspetti da tenere presente.

 

 

Quando ci si trova ad affrontare una ristrutturazione in casa si può pensare anche alla possibilità di installare una cassaforte per custodire i propri averi più preziosi; spesso questo comporta interventi sulla muratura e quindi il momento buono per pensarci è quando si stanno facendo lavori di ristrutturazione o manutenzione.
Safetal, Star Plus
Ci sono diversi tipi di cassaforte che si possono installare in casa, la prima cosa da considerare è se la si vuole inserire all’interno di un muro o semplicemente all’interno di un mobile; sicuramente è importante in ogni caso ancorare in modo robusto la cassaforte alla parete o al pavimento in modo che il ladro non riesca a portarsela via facilmente.

Al momento dell’acquisto della cassaforte bisogna porre attenzione che sia antieffrazione ma anche ignifuga, in modo che possa resistere anche a un eventuale incendio; i modelli ignifughi sono dotati di doppie pareti e doppia porta isolata con un’intercapedine piena di calcestruzzo.

La cassaforte va fissata su materiali che siano resistenti ad esempio non al legno o al gesso, ma meglio se al calcestruzzo o alla pietra dura; anche la scelta delle viti e dei bulloni deve essere fatta con attenzione perché siano sufficientemente resistenti.
Installare una cassaforte a muro

Se si decide di inserire la cassaforte dentro a un muro la prima cosa da valutarne è lo spessore, che deve essere sufficiente, oltre allo spessore della cassaforte bisogna considerare ancora una decina di cm posteriormente; generalmente è necessario un muro di almeno 30 cm di spessore.
Ovviamente bisogna fare molta attenzione prima di rompere, che in quel punto non passino tubazioni di impianti, cavi elettrici, e che non siano presenti pilastri strutturali.
Cassaforte a muro di Cisa
Il buco dovrà essere fatto un po’ più largo dell’ingombro della cassaforte perché questa possa poi essere fissata con malta, che andrà distribuita sulle pareti del foro prima dell’inserimento della cassaforte stessa.
Si possono anche inserire alette antistrappo che impediscono la rimozione dal muro; questo permette una ulteriore sicurezza.

Cassaforte mobile

Nel caso in cui non si potesse installare a muro, l’altra soluzione è scegliere una cassaforte mobile che viene ancorata con tasselli alla parete e al pavimento senza opere murarie; generalmente questo tipo di cassaforte deve avere le pareti più spesse perché devono resistere maggiormente all’effrazione.

Garanzia e norma UNI

Quando si acDGT Vision di Cisaquista il prodotto si può avere una garanzia sulla sua qualità grazie alla norma UNI 10868 Mezzi di custodia – Requisiti per la classificazione e metodi di prova per la resistenza all’effrazione – Casseforti per uso privato. Questa norma riporta le caratteristiche come dimensioni minime e massime, le caratteristiche di resistenza a oggetti contundenti e fuoco; per le casseforti andrà compilato un attestato contenente i risultati delle prove in laboratorio.

Il produttore deve marcare sulla cassaforte la conformità, la norma e il numero di serie; inoltre dovrà fornire un manuale di istruzioni dettagliato con il modo di installazione e di uso.

Alcuni prodotti in commercio

La cassaforte a muro Star Plus della Safetal ha la protezione del battente in acciaio al manganese ed è disponibile nelle versioni solo Chiave – Solo Combinatore – Chiave + Combinatore – serratura a doppia mappa a due mandate con blocchetto intercambiabile. La struttura dell’anta è stratificata in acciaio da 10 mm (8 +2 mm acciaio al manganese) e pareti in acciaio da 2 mm.

E’ dotata di combinatore numerico a tre pomelli da 20 posizioni ciascuno e verniciata a polvere epossipoliestere colore verde.
Le dimensioni esterne sono LxH 330/480 x 220/600 e la profondità 200/270 mm.

Cisa ha una vasta gamma di casseforti sia da muro che da mobile, il top della gamma è DGT Vision con combinatore elettronico digitale e tastierino retroilluminato che quindi permette di digitare il codice anche con scarsa illuminazione.
L’invisibile di F.lli Anelli
Una novità è la cassaforte Darwin che è caratterizzata da una grande praticità in quanto è composta da due parti che possono essere acquistabili separatamente, la cassa e il frontale, questo può servire per predisporre lo spazio per la cassaforte al momento dei lavori di ristrutturazione e solo in un secondo momento quando sorge la necessità di utilizzarla senza più dover intervenire sulla muratura.

La cassaforte invisibile

Un prodotto molto particolare e curioso è la cassaforte chiamata invisibile perché nascosta dietro ad una presa di corrente, un termostato o una piastrella, prodotta da F.lli Anelli.
Le dimensioni sono ridotte ed è veramente difficile da trovare per il ladro; il modello più piccolo misura 14 x 14 x 7 cm.
cassaforte F.lli Anelli, schema
Questa piccola cassaforte deve essere installata su una parete spessa almeno 15-20 cm, bisogna praticare il foro sul muro lasciando tutto intorno mezzo centimetro di spazio ulteriore rispetto alla misura stessa della cassa per il fissaggio. L’imboccatura della cassetta dovrebbe essere a filo o qualche millimetro all’interno.

Dopo viene montata la placca di copertura che dovrà essere a filo con il muro facendo aderire i magneti di fissaggio perfettamente alla cassetta regolando tramite gli spessori fino ad arrivare a un contatto perfetto fra le basi.

About the author

ristrutturazione casa a Roma

View all posts

Lascia un commento