Canali di gronda e pluviali

Come funziona il sistema di raccolta delle acque: sporti di gronda, profili di gronda, pluviali, cicogne e buttafuori. Le principali caratteristiche e tipologie.

 

Canali di grondaIl sistema di smaltimento dell’acqua piovana delle coperture degli edifici, è costituito da un insieme di gronde e pluviali, che raccolgono l’acqua limitandone il dilavamento sulle pareti esterne, proteggendole.

L’acqua di pioggia, in contesti molto inquinati, è piena di polveri sottili, di agenti chimici aggressivi presenti nell’aria etc.
Queste sostanze, talvolta, sotto l’effetto dei raggi solari a lungo termine possono danneggiare le finiture esterne delle pareti, anche in profondità, dando luogo in alcuni casi a vere e proprie infiltrazioni.

La struttura ramificata costituita da canali, gronde e pluviali, se opportunamente studiata e calcolata, assolve anche il compito di proteggere il percorso pedonale che si trova in corrispondenza del cornicione perimetrale dell’edificio. Oltre all’aspetto funzionale, le pluviali e le gronde contribuiscono quindi anche al decoro architettonico delle lunghe facciate degli edifici padronali o dei palazzi signorili, spezzando il ritmo continuo e regolando i rapporti tra altezza e larghezza dell’edificio stesso.

Per realizzare questo sistema di scolo, l’elemento orizzontale, il canale o profilo di gronda viene fissato al perimetro della copertura, che tecnicamente si chiama sporto di gronda o linda.
Il fissaggio avviene mediante le cicogne, ovvero elementi metallici di sostegno.

Canali di gronda: disegno elementi, di Valentina CaineroTutto questo sistema di canali orizzontali ha il compito di convogliare l’acqua di pioggia in apposite tubazioni verticali, le pluviali, che a loro volta indirizzano le acque verso i pozzetti di raccolta. Le pluviali possono essere a faccia vista e quindi fissate alla facciata dell’edificio, così da diventare anche elementi decorativi, oppure incassate nel muro, predisponendo però un cassonetto specifico ispezionabile in più punti, così da garantire una periodica manutenzione nel tempo.

Il sistema di scolo delle acque non è sempre lineare ma può presentare degli elementi curvi, che uniscono più tratti di una stessa pluviale, e altri elementi accessori come i profili di gronda e i collarini, che servono a garantire il perfetto funzionamento del sistema progettato. In genere, vengono realizzati con lo stesso materiale.
Canale di gronda, sporto di gronda e pluviale

Orditura aggettante: schema grafico di Valentina CaineroIl canale di gronda è uno degli elementi più importanti dell’intero sistema di raccolta, in genere è collocata sul bordo esterno della copertura, al termine dello sporto di gronda. In alcuni casi, però, specie negli edifici moderni che non presentano sporto di gronda, può trovarsi all’interno rispetto al profilo della copertura, come si vede nella figura accanto.

Solaio aggettante: schema grafico di Valentina CaineroAd eccezione dei casi a copertura piana, i raccordi tra copertura e chiusura verticale possono essere principalmente di tre tipi:
– con sporto formato da solaio aggettante;
– con sporto formato da orditura aggettante della parete;
– senza sporto.

Buttafuori: disegno di Valentina CaineroNel caso di solaio aggettante, lo sporto di gronda segna anche la parte superiore delle pareti dell’edificio. In passato questo elemento poteva essere ornato con una varietà pressoché infinita di decori, in genere connessi alle caratteristiche costruttive ed architettoniche del luogo. Il decoro caratterizzava l’edificio e in qualche modo ne definiva la classe nobiliare, il prestigio politico e sociale.

La pluviale è parte integrante dei sistemi di raccolta delle acque meteoriche; soprattutto negli edifici antichi, questa è nascosta all’interno dello spessore dei muri e quindi diventa impossibile mantenerli senza eseguire opere piuttosto invasive e distruttive.

I buttafuori: fotoLe pluviali possono presentare diametri di varie sezioni, a seconda delle necessità, e possono essere realizzati in elementi da 1,2 oppure 3 metri. Ovviamente, il diametro varia in funzione della superficie del tetto di cui deve raccogliere le acque.

In alcuni palazzi, invece, non esistono i pozzetti di raccolta ma ci sono delle pluviali aperte che scaricano l’acqua direttamente a terra, oppure, in edifici dal particolare pregio storico e di epoca medioevale è possibile trovare le pluviali buttafuori, denominati anche gargoyle, che assumono figure animalesche fantastiche e mostruose come draghi e serpenti.
Normativa per canali di gronda e pluviali

Profilo di grondaLa norma UNI 10724: Sistemi di raccolta di acque meteoriche – Istruzioni per la progettazione e l’esecuzione con elementi discontinui, è la normativa di riferimento per la progettazione dei sistemi di raccolta e scolo delle acque meteoriche.

La norma è suddivisa in ben sei sezioni, nella quali sono indicati i materiali da utilizzare, come l’acciaio zincato, l’acciaio inox, l’alluminio e sue leghe, il PVC, il rame e lo zinco-titanio etc. Sono elencate anche le caratteristiche, le soluzioni costruttive e le problematiche che il progettista e l’installatore devono considerare, il dimensionamento idraulico, il posizionamento delle pluviali, il fissaggio e le tecniche per assorbire le dilatazioni termiche.

– La sezione 1, un po’ come accade per tutte le leggo riguarda gli aspetti generali, descrivendo il campo di applicazione, i riferimenti normativi, la terminologia da utilizzare e la simbologia grafica.

– La sezione 2 è relativa alle caratteristiche dei materiali impiegati.

– La sezione 3 indica gli accorgimenti progettuali da adottare in caso di eventi meteorologici straordinari come il vento, la neve, eventuali carichi concentrati, l’intensità precipitazioni atmosferiche, le dilatazioni termiche, etc. Sempre in questa sezione è possibile trovare tutto quello che riguarda il dimensionamento idraulico del sistema di raccolta, quindi tipologia e geometria del tetto, diametro dei profili, posizione delle pluviali etc , ma anche tutto quello che è attinente al dimensionamento statico, quindi il dimensionamento dei supporti e lo loro distanza in relazione al carico neve, all’effetto di una scala appoggiata, all’azione del vento.

– La sezione 4 riporta indicazioni più pratiche relative al montaggio dei vari elementi tra loro, illustrando il posizionamento e fissaggio dei supporti, dei canali di gronda e delle pluviali.

– La sezione 5 fornisce indicazioni in merito manutenzione da eseguire periodicamente al sistema di raccolta per garantirne un perfetto funzionamento.

– La sezione 6 illustra le varie fasi temporanee di cantiere.
Dimensionamento: diametri e pendenze
Le dimensioni di grondaia e pluviale dipendono strettamente dalle dimensioni del tetto e dalla sua forma.
Per una superficie inferiore a 35 mq sarà sufficiente un tubo dal diametro di 60 mm che abbia una grondaia larga 16 cm.

Se l’estensione della superficie è maggiore allora sarà necessario un kit di montaggio grondaie che prevede tubi da 80 mm di diametro e un canale da 25 cm. Per i canali di gronda si utilizzano tubi a sezione semicircolare mentre per le pluviali la sezione sarà circolare.

Per il dimensionamento si utilizzano tabelle che forniscono direttamente il diametro dei canali di gronda e dei pluviali in relazione alla superficie di tetto servita.
I dati che permettono il calcolo sono la piovosità misurata in cm/h che riporta i cm di pioggia caduti in uno specifico lasso di tempo, poi viene riportata la superficie in pianta del tetto in mq e il diametro canali di gronda e delle pluviali in mm.

I valori presenti nella tabella possono subire delle maggiorazioni in caso di particolari condizioni di piovosità o presenza di fogliame/sporcizia. Le pluviali vanno installate almeno ogni 20-25 m di canale di gronda; la pendenza minima di questi canali deve essere pari allo 0.5 %, a scendere verso la pluviale. In caso di pendenza maggiore, migliore sarà lo scorrimento dell’acqua di pioggia.

Se le falde del tetto sono più di due, su ogni lato della grondaia occorrono dei giunti di dilatazione necessari indipendentemente dalle lunghezze dei tratti.
Inoltre, sempre nei casi di canali da grondaie particolarmente lunghi, è necessario adottare nella posa in opera delle pendenze superiori rispetto a quella standard di riferimento.

About the author

ristrutturazione casa a Roma

View all posts

Lascia un commento