Arredare una casa piccola

Arredare una casa piccola vuol dire studiare al millimetro lo spazio disponibile per sfruttarlo tutto al meglio. Eccovi una serie di consigli ed arredi ad hoc!

 
Mia nonna avrebbe saggiamente notato che sarebbero stati necessari meno mobili quindi meno spese: in realtà non è esattamente così perché nella stragrande maggioranza dei casi occorre orientarsi vero soluzioni personalizzate che di solito hanno un costo maggiore. A ciò va aggiunto uno studio millimetrico degli spazi così da sfruttarli al massimo che non è proprio una cosa semplicissima.

Intanto, per casa piccola intendo un’abitazione che ha una superficie variabile dai 40 ai 60 metri quadrati, di solito composta da due locali, bagno e cucina che ospita una famiglia composta da tre persone: vediamo qualche consiglio.
Ristrutturare una casa piccola

Per coloro i quali decidono di intervenire in maniera più drastica e risolutiva optando per una ristrutturazione, la parola d’ordine è open air. La flessibilità degli spazi che nell’arco della giornata possono assolvere a diverse funzioni è una soluzione decisamente adatta ad una casa piccola, soprattutto poi quando ci sono anche dei bambini. Ecco che magicamente un soggiorno, che magari qualche ora prima aveva ospitato delle amiche per un incontro pomeridiano, di sera si tramuta in confortevole stanza matrimoniale in pochi semplici gesti.

Cubik CS11/10 di Fratelli SpinelliIn tal senso, un ottimo esempio è dato da Cubik CS11/10 proposto da Fratelli Spinelli: si tratta di una soluzione costituita da divano integrato in una composizione a giorno trasformabile in letto matrimoniale sempre pronto, con rete a doghe in legno. Su richiesta, l’apertura del letto può avvenire automaticamente attraverso un telecomando wireless.

Il divano è disponibile in diverse soluzioni a seconda delle esigenze, con o senza contenitore e con o senza il rivestimento del pannello frontale del letto.

Anche il problema dell’angolo cottura è risolto: Myself di Aiko è una cucina lineare che in 270 centimetri riesce ad integrare i moduli a telaio cottura e lavaggio con i mobili della zona centrale composta da base estraibile e lavastoviglie. Le ante sono in laminato rovere grigio con bordo alluminio e maniglia integrata mentre il pensile da 270 cm ed altezza 60 centimetri ha le ante scorrevoli in finitura laminato rovere grigio.
Scelta degli arredi per una casa piccola

Loft di MD HouseCome ho anticipato prima, chi decide di non ristrutturare ma di rileggere gli ambienti della propria casa, avrà necessità di effettuare uno studio accuratissimo dello spazio così da poterlo sfruttare al massimo e scegliendo con cura arredi adeguati che siano innanzi tutto poco ingombranti: dunque per gli elettrodomestici la scelta potrà ricadere su modelli ad incasso mentre per mobili o pensili da cucina sarà opportuno scegliere modelli a giorno o a serrandina scorrevole che eliminano il problema dell’ingombro delle ante. Per sfruttare anche gli angoli orientate la vostra scelta verso mensole e mobili angolari che consentono l’utilizzo di spazi che di solito non vengono utilizzati.

Stesso discorso vale per la camera da letto: l’ideale sarebbe scegliere un bel letto a scomparsa che durante il giorno praticamente regala una stanza in più. Se l’idea non vi piace, l’alternativa potrebbe essere un letto matrimoniale con contenitore, così da risolvere almeno in parte il problema dell’ordine, che in una casa dalle dimensioni ridotte pare si amplifichi a dismisura. Anche la scelta dell’armadio andrebbe fatta prediligendo modelli con anta a scomparsa, per i motivi di cui sopra, e che sia esteso in larghezza e soprattutto in altezza.

Una interessante proposta per il letto con contenitore proviene da MD House: si tratta di Loft, letto matrimoniale dalle linee classiche ed eleganti, fornito di testiera imbottita leggermente arcuata e munito di un pratico e capiente cassetto contenitore. E’ possibile personalizzare il letto scegliendo sia il colore del legno dello zoccolo che i tessuti dei rivestimenti.
Modularità e verticalità

Tavolo Airport e sedie Jam di CalligarisEcco il binomio vincente per fare in modo che la vostra casa, seppur piccola, sia bella e funzionale. Dunque nell’acquisto, orientatevi verso quegli arredi che possono avere un doppio utilizzo o che siano modulari quindi componibili: largo dunque ai tavoli allungabili, ai divani componibili ed a tutti quegli arredi che si prestano ad un utilizzo momentaneo.

Qualche esempio? Per quanto concerne i tavoli, vi segnalo la linea Airport di Calligaris, i cui arredi dispongono di un sistema di allungamento telescopico, brevettato dall’azienda, che consente il raddoppio della lunghezza con un unico movimento: in questo modo il tavolo può raggiungere una lunghezza massima di 260 centimetri per un totale di dieci posti! Per un effetto moderno è possibile abbinare ad esso le sedie Jam di Calligaris, dalla seduta in tecnopolimero bicolore: in bianco lucido davanti e la parte posteriore da scegliere tra i brillanti colori proposti.

Divano Togo di Ligne-RosetEccovi infine un divano modulare un tantino insolito: si tratta di Togo, disegnato da Michel Ducaroy per Ligne-Roset. Questo divano dall’aria così accogliente, imbottito in poliuretano espanso, è disponibile in diversi colori ed, a dispetto della sua forma così originale, si adatta con estrema facilità all’inserimento in ambienti arredati in stile moderno ma anche classico, donando un tocco di originalità.

Nella scelta dell’armadio, il segreto è quello di progettarlo sacrificando la profondità all’altezza: in questo modo sarà possibile avere più spazio per disporre in maniera organizzata oggetti, tessuti, abbigliamento e quant’altro.

L’armadio Mood di Rossetto Arredamenti possiede vani attrezzati e funzionali protetti da ante, sia scorrevoli che a battente, in vetro laccato con telaio in metallo: la maniglia è integrata nella fascia centrale in alluminio, a sua volta rivestita con diverse finiture a scelta tra noce, rovere moro e brunito scuro.

About the author

ristrutturazione casa a Roma

View all posts

Lascia un commento